//
stai leggendo...
ARTICOLI

UFO: ancora rischio collisioni in Inghilterra

Qualunque cosa siano gli UFO, qualunque sia la loro provenienza, è un dato incontrovertibile che siano un pericolo per la sicurezza aerea. E a quanto pare abbiano “deciso” di fornire “lavoro supplementare” ai responsabili della Air Prox Board, incaricati di indagare sui rischi, forti o deboli, di “quasi collisioni” o, peggio ancora, collisioni in volo che possono coinvolgere qualsiasi aeromobile interessato a sorvolare il territorio britannico.

Un nuovo caso che ha coinvolto un aeromobile e un UFO (Unidentified Flying Object) è stato divulgato il giorno 31 gennaio 2014 (link).

L’episodio – catalogato come livello di rischio “D” (Rischio non determinato a causa di informazioni disponibili non sufficienti, o prove non conclusive) – è avvenuto nei cieli di Londra il giorno 23 giugno 2013.

Alle ore 12:35 (ora locale), il pilota (al momento anonimo) di un Airbus 300, mentre era in volo ad una quota di 225 FL (Flying Level, 25.000 piedi, 7.620 metri di altitudine rispetto al suolo), riferisce alla torre di controllo di Londra che un oggetto estraneo, descritto come “di colore bianco/blu brillante” è passato “frontalmente, appena sotto” l’aereo.

L’oggetto volante non identificato aveva le dimensioni apparenti di 3 metri cubici (dimensioni non ragguardevoli e che non hanno permesso un “ritorno radar”) e si trovava a non meno di 1 miglio nautico (circa 2 chilometri) dal momento dell’avvistamento.

La velocità dell’oggetto misterioso, secondo le informazioni del pilota, è stata valutata in “relativamente altissima”.

Dal contatto visivo effettuato, l’oggetto volante non è stato identificato come un aereo. Inoltre, da approfondite indagini effettuate su fonti multiple di sorveglianza non si è riscontrato alcun oggetto accanto all’Airbus 300 al momento della segnalazione, nessun altro aeromobile nelle vicinanze dell’Airbus 300 ha fatto un rapporto similare e non è stata comunicata alcuna presenza in zona di alcun pallone meteo o radiosonda.

Anche se il pilota ha dichiarato il rischio di collisione “alto”, le informazioni non dettagliate hanno fatto includere il caso nella categoria di rischio collisione “D”, ma ciò non pregiudica la testimonianza di un pilota che ha visto un qualcosa che, a livello preliminare, rimane un UFO, ossia un oggetto volante non identificato.

Articolo scritto da Antonio De Comite

Annunci

Discussione

3 pensieri su “UFO: ancora rischio collisioni in Inghilterra

  1. Anche qui nuovamente qualcosa non quadra.
    Nei post precedenti si legge che a Brema l’aeroporto e’ stato bloccato a causa di un oggetto non identificato che sostava nei pressi dell’aeroporto e che veniva costantemente rilevato dai radar.
    Qualche post piu’ avanti apprendiamo che le autorita’ svelano il mistero, si trattava semplicemente di un elicotterino telecomandato e del solito “buontempone”.
    Ora leggiamo che vi e’ stata nuovamente una mancata collisione sui cieli dell’Inghilterra con un oggetto non identificato ma la cosa “curiosa” e’ questa:
    “L’oggetto volante non identificato aveva le dimensioni apparenti di 3 metri cubici (dimensioni non ragguardevoli e che non hanno permesso un “ritorno radar”)”
    Ma come ?
    In Germania il radar vede benissimo un giocattolino telecomandato mentre qui apprendiamo che
    3 metri cubici non bastano per ottenere un ritorno radar ?.
    Inutile farsi troppe domande, tanto al massimo, tra un paio di settimane le autorita’ daranno una spiegazione ancora piu’ insensata.
    Ma va bene cosi’, ormai viviamo in un mondo dove nessuno si fa’ piu’ domande.
    Costantemente bombandati da notizie assurde,soluzioni prive di senso,messaggi senza capo ne coda.

    Daniele

    Pubblicato da Daniele | 1 febbraio 2014, 8:56 pm
    • scusa daniele secondo tè davvero a brema fermano il traffico per un modellino giocattolo?, poi non trovano chi lo radiocomanda ?, ma dai è ovvio che è il solito insabbiamento , se tu guardi le foto originali vedrai che non è affato un giocattolo poi pure in giappone è successa la stessa cosa qualche anno fà ma li ne hanno parlato tanti gionali, e cosa incredibile pure la rai non ci credevo !!!!! , ma li è stato chiuso 3 giorni.

      Pubblicato da alessandro | 2 febbraio 2014, 9:13 pm
      • Forse non hai letto bene, ne il mio messaggio,ne i miei post precedenti relativi proprio al fatto di Brema (vedi gli articoli nel blog)
        Forse non ti sei accorto del mio tono ironico.
        Forse non ti sei accorto che dico le stesse cose che dici tu !
        Ma prima di scrivere una risposta perche’ la gente non legge mai ?????

        Pubblicato da Daniele | 3 febbraio 2014, 12:13 am

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: