//
stai leggendo...
Militari e Spazio

L’astronauta Leroy Chiao vide un UFO nel 2005

Pochissimi astronauti riconoscono pubblicamente di aver visto qualcosa di incomprensibile nello spazio, probabilmente perché c’è poco da dire e se c’è, perché così facendo può mettere in dubbio la professionalità e la stabilità mentale di qualcuno con un lavoro rischioso in cui la mente deve stare lucida e non cedere alle fantasie .

Così, la strana confessione di Leroy Chiao, ex comandante della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) in un programma della catena televisiva specializzata in argomenti scientifici Sci Channel specializzata in materie scientifiche, si dimostra essere sorprendente.

L’astronauta della NASA, che si è ritirato dai voli spaziali, ha affermato di aver avuto un avvistamento nel 2005 quando, assieme al suo collega Salizhan Sharipov, era intento ad installare delle antenne di navigazione all’esterno della Stazione Spaziale Internazionale (ISS), una grande struttura orbitale sempre abitata che si trova a circa 400 km di altitudine e che completa un giro intorno alla Terra all’incirca ogni 91 minuti .

Vidi delle luci che sembravano essere in formazione lineare e che ricordavano una V invertita, e pensai che fosse molto strano“, ha dichiarato Chiao al The Huffington Post.

Infatti, Chiao ha ammesso di aver visto un “UFO”, ma semplicemente un oggetto in movimento e che non ha potuto identificare, ma non ha insistito, in nessuna occasione, sul fatto che ciò che vide erano delle astronavi in formazione provenienti da un’altra civiltà. “Non credo che siamo stati visitati da esseri provenienti da un altro pianeta o un’altra dimensione, ma io non lo escluderei al 100 percento. Ho una mente aperta e credo che ci sia altra vita nell’universo “, ha commentato.

Se c’è vita là fuori“, pensa “c’è da supporre che siano molto più avanzati di noi e sanno come navigare attraverso grandi distanze in brevi periodi di tempo, o in egual modo sono in grado di venire da un universo parallelo al nostro“.

Il programma televisivo, che raccoglie gli “archivi inspiegabili della NASA” – che è l’emozionante titolo che da il nome a questi episodi – cerca di trovare una spiegazione per l’avvistamento di Chiao. Una ipotesi è quella che si trattò delle luci di barche dei pescatori situate a centinaia di chilometri sotto la stazione spaziale. Purtroppo, Sharipov non può dare il suo parere sulla questione perché, a quanto pare, si perse lo spettacolo perché stava orientato nella direzione opposta.

Leroy Chiao, che ha invitato i suoi seguaci sul suo account Twitter a vedere il programma che parla di “cose ​​strane nello spazio“, è stato un astronauta della NASA per 15 anni e ha volato quattro volte per lo spazio, in uno space shuttle e in un razzo russo. Fu comandante della ISS in una missione che durò sei mesi e mezzo, e ha realizzato sei passeggiate spaziali per aiutare a costruire e migliorare la piattaforma orbitale, in una delle quali si verificò il curioso avvistamento. Con questa straordinaria carriera, la sua storia merita di essere ascoltata.

Traduzione e adattamento a cura di Antonio De Comite tramite Google Translation.

Fonte articolo (link)

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: