//
stai leggendo...
Esobiologia

Nuovo studio: “3.000 civiltà extraterrestri nella Via Lattea”

La Via Lattea potrebbe essere la casa di circa 3.000 civiltà extraterrestri, ma – conclude un nuovo studio – il verificarsi di un contatto con i nostri cugini galattici, per via delle grandi distanze, sarà estremamente raro.

I dati raccolti dal telescopio spaziale Kepler della NASA e di altri osservatori atti a scrutare pianeti oltre il sistema solare indicano che la Terra è uno dei circa 40 miliardi di mondi potenzialmente abitabili nella galassia, con circa un nuovo pianeta adatto alla vita che si forma ogni anno, ha dichiarato l’astronomo Michael Garrett, capo della fondazione di ricerca astronomica olandese ASTRON, durante il Congresso astronomico Internazionale tenutosi a Toronto.

Ciò sembra promettente, se si considera la vastità della Via Lattea, che si estende per più di 100.000 anni luce di diametro. La luce viaggia a circa 186.000 miglia al secondo (circa 300.000 chilometri al secondo), ma un segnale impiegherà però più di 4 anni per raggiungere il vicino sistema di Alpha Centauri e 100 mila anni per viaggiare da un estremo della galassia all’altro.

In media“, afferma Garrett, “ci aspettiamo che le civiltà debbano essere separate da almeno 1.000 anni luce nella Via Lattea. Questa è una grande distanza, e per scopi di comunicazione ciò è necessario per consentire il doppio della distanza da percorrere, quindi si sta parlando di civiltà che si devono trovare là intorno per almeno qualche migliaio di anni in modo da avere l’opportunità di parlare le une con le altre“.

E aggiunge: “Noi non sappiamo realmente quali siano le scale temporali in cui persistono tali civiltà“.

L’unico esempio disponibile – la Terra – indica che la vita si sia sviluppata essenzialmente non appena le condizioni siano diventate adatte, ma la vita intelligente sorse relativamente tardi.

E ciò è accaduto sostanzialmente negli ultimi minuti della evoluzione complessiva della vita sul pianeta”, ha detto Garrett. “Io non voglio essere troppo negativo su ciò, ma … la mia conclusione di base è che i segnali SETI saranno rari nella Via Lattea“.

Questo non significa che gli astronomi non debbano osservare, ha aggiunto. Anzi, al contrario, dati gli enormi balzi tecnologici in radioastronomia e nelle tecniche di elaborazione dei dati rispetto a ciò che era disponibile 60 anni fa nei programmi SETI (Search for Extraterrestrial Intelligence).

Il SETI, inoltre, sta beneficiando di progetti di radio astronomia sorella, come ad esempio la ricerca in corso per trovare la fonte di misteriose esplosioni radio transienti.

Il SETI non è agevole, ma è una ricerca che è valsa la pena effettuare. La questione è davvero importante“, ha detto Garrett. “Chiunque ha interesse a ciò, non solo gli scienziati e appassionati dello spazio. La gente della strada è interessata a sapere cosa c’è là fuori“.

Fonte (link)

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: