//
stai leggendo...
Militari e Spazio

L’Aeronautica statunitense si prepara per una “potenziale guerra spaziale”

Secondo dichiarazioni ufficiali di alti responsabili, arrivate il giorno 15 aprile 2015, la USAF (United States Air Force) sta facendo i preparativi per un conflitto sulla Terra che si intensificherà nello spazio.

Deborah Lee James, segretario dell’Air Force, ha affermato allo Space Symposium, che “i sistemi spaziali si trovano ad affrontare dimostrate minacce avanzate e in evoluzione ed esiste un potenziale settore di ‘attori ostili’ e si deve provvedere ad avere una nuova mentalità quando si tratta di spazio“.

I cinesi hanno continuato a testare (armi anti-satellite) dal 2007“, ha riferito in un discorso. Fu allora che distrussero uno dei loro veicoli spaziali inutilizzati con un missile anti-satellite e ciò lasciò un’area di detriti di circa 3.000 pezzi che rimarranno in orbita per gli anni a venire.

maxresdefault

Deborah Lee James ha aggiunto che “ci sono stati ulteriori test che da allora non hanno distrutto nessun satellite. La sperimentazione è continuata in modo che è diventata una preoccupazione costante, qualcosa che stiamo osservando. La Russia è anche motivo di preoccupazione. Dobbiamo essere pronti. Dobbiamo prepararci per la potenzialità di un conflitto che potrebbe estendersi un giorno dalla Terra nello spazio“.

L’anno scorso il Dipartimento della Difesa ha condotto un esame strategico del portafoglio spaziale. Una conclusione di questa revisione è stata che gli attuali sistemi spaziali sono stati progettati in un’epoca in cui lo spazio non era contestato o congestionato. “Questo non è più il caso“, ha riferito James.

Dobbiamo fare in modo“, continua James, “che la nostra missione si possa fare nonostante quello che potrebbe essere un ambiente molto difficile nello spazio e comprendendo le sfide di una giornata con gli effetti di una guerra nello spazio. Non dobbiamo mai permettere che i potenziali avversari ci neghino l’uso dello spazio“.

L’esame ha inoltre incluso che l’Air Force debba migliorare la sua consapevolezza di situazione spaziale. “La conoscenza è potere e abbiamo sempre bisogno di aumentare gli occhi nel cielo,” ha detto.

James aggiunge che “investiremo nella nostra formazione, la dottrina e la tattica“. E l’US Strategic Command è la creazione di una dottrina spaziale congiunta e un forum tattico per affrontare ciò. “Ci saranno investimenti per la modellazione e la simulazione, la formazione e le esercitazioni operative“.

Se abbiamo un popolo non spaziale tra il pubblico, persone che sono coinvolte in altri aspetti militari, probabilmente starete pensando, ‘la modellazione e la simulazione? Formazione. Esercitazione. Questo è ciò che facciamo sempre‘. E avete ragione. Ma dobbiamo farlo ora, sempre più, nello spazio“.

Questo sarà un sostanziale cambiamento culturale, che può essere l’aspetto più difficile da alterare in campo militare“, ha affermato James. “Ma dobbiamo attaccarci ad esso“.

Inoltre“, aggiunge James, “l’Air Force sta investendo in capacità di difesa, come la rilevazione di un disturbo satellitare e individuare da dove arrivi. E’ anche importante per aumentare la consapevolezza di situazione spaziale“.

Due veicoli spaziali geostazionari di situazione del programma di sensibilizzazione, meglio conosciuti come G-SSAP, sono stati lanciati nel mese di luglio 2014. Si tratta di satelliti di osservazione in orbita geostazionaria e che vanno alla ricerca di attività insolite. Essi hanno la capacità di manovrare attorno ad indagare altri satelliti. “Pensiamo a questo come al nostro programma di Sorveglianza Ravvicinata“, ha detto.

Inoltre“, ha aggiunto, “la recinzione spaziale, un sistema radar di terra in grado di rilevare veicoli spaziali e detriti, dovrebbe essere completata entro il 2019“.

130408-F-YZ649-016 (2)

Il comandante dell’Air Force Space Command, il generale John Hyten, ha dichiarato nel corso di una conferenza stampa che, “abbiamo la responsabilità di difenderci contro tutte le minacce. Questo è ciò che il nostro lavoro è. (…) Non c’è dubbio che abbiamo visto apparire delle minacce negli ultimi dieci anni, e dobbiamo essere preparati a rispondere a queste minacce. E’ così semplice“.

Hyten ha però rifiutato di parlare delle capacità offensive degli Stati Uniti d’America nello spazio. “Non abbiamo intenzione di parlare di capacità offensive, ma svilupperemo e continueremo ad operare sulle capacità difensive“.

Meno di un anno dopo dalla capacità dimostrata dalla Cina di distruggere un satellite a bassa orbita terrestre, la US Navy abbattè un satellite vagante del National Reconnaissance Office che stava andando in de-orbita. Il governo negò che si trattasse di una risposta al test cinese.

Non riceveremo più sconfitte nello spazio“, ha affermato Hyten.

Fonte (link)

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: