//
stai leggendo...
ARTICOLI, Documenti

Jacques Vallée parla di UFO e alieni sul forum AMA

L’intervista che vi proponiamo è un estratto di una conversazione tra vari utenti, che si sono presentati con diversi nicknames, che si è tenuta sul forum “AMA – Ask My Anything” ospitato sul portale web reddit.com. Una conversazione ancora più interessante da quando sul forum è apparso il dottor Jacques Vallée con il nickname “documatica”. Ecco di seguito le parti più salienti di questa conversazione:

wolfereen: Cosa descrive come un UFO e come viene chiamato quando si è identificato?

documatica: hai colpito su un problema significativo: Non esiste una definizione unica per un UFO; Ricordate, l’USAF (United States Air Force) ha inventato il termine per un fenomeno aereo che non corrisponde a delle spiegazioni naturali, ma ciò che le persone stanno segnalando va ben oltre questo. Un esempio è rappresentato da “sfere” luminose che attraversano le pareti di una camera da letto: sono UFO anche questi o no?

49er-runner: ha personalmente avuto esperienze con gli UFO?

documatica: sì, in Francia con uno studente di college, un disco con una semi cupola in cielo a circa mezzo chilometro di distanza. Il giorno dopo un altro studente, la cui casa era in cima alla collina ad un altro mezzo chilometro di distanza, mi riferì che vide la stessa cosa con il binocolo. A quel tempo mi convinsi che fosse una sorta di prototipo che alla fine sarebbe stato rivelato, ma come sappiamo ora non vi è nulla di simile. Si librò a bassa quota per almeno circa 10 minuti.

mattisaac1: quale specifico e convincente avvistamento UFO pensi abbia più bisogno di ulteriori ricerche? Ha dei progetti per future indagini?

documatica: ci sono diversi casi classici nei files USAF che meriterebbero uno studio più approfondito, come le osservazioni a bordo di un aereo di intelligence elettronica (RB47) che rivelò un UFO sia visivamente che sul radar sul Golfo del Messico e che fu inseguito dall’oggetto per tutto il Texas e l’Oklahoma. La data dell’avvistamento fu il 17 luglio 1957. L’aereo era un Boeing Stratojet. Il caso è uno dei circa 800 casi riportati come “Unidentified” (non identificati) da parte dell’USAF. E, a proposito, non ho progetti per future indagini.

gortogg: quale è il caso più convincente (e/o documentato) che ha studiato?

documatica: c’è un grande numero di casi che superano i “seri” esami: i casi di tracce fisiche inspiegabili e molteplici testimoni oltre la durata significativa, ecc., ma soprattutto cerco modelli generali che possono caratterizzare il fenomeno nel suo complesso. Un caso particolarmente significativo ebbe luogo presso Valensole in Francia anni fa e non è mai stato spiegato: un atterraggio con tracce fisiche e due “esseri” che paralizzarono il testimone. L’agenzia spaziale governativa francese ha, da molti anni, un gruppo di ricercatori su questi casi e io faccio parte del comitato consultivo. Il “caso Valensole” non è mai stato spiegato. Naturalmente la paralisi ha davvero interessato molti scienziati. Gli UFO hanno molti impatti fisiologici sull’uomo.

RocketTech99: la vostra ricerca cerca di identificare gli UFO, o semplicemente cataloga gli avvistamenti?

documatica: ciao RocketTech: il mio approccio è quello che si debbano catalogare i rapporti prima di poter identificare il fenomeno. Io cerco di fare questo, per far sì che fasi successive, come quelle di ottenere più informazioni, vengano alla luce. Vado anche fuori a indagare, naturalmente.

RocketTech99: quando indaga, quali elementi cerca? Cerca (metaforicamente parlando) un ‘low-hanging fruit’ (n.d.r. tradotto letteralmente “frutta che cresce sui rami più bassi di un albero”, è un termine molto usato dagli inglesi in ambito lavorativo e sta a significare il selezionare alcune priorità lavorative per raggiungere un particolare risultato), come ad esempio le condizioni atmosferiche che possono forse identificare l’UFO come un fenomeno conosciuto? E se posso buttarmi in un’altra domanda, la vostra ricerca vi ha condotto ad una conclusione circa l’esistenza di visitatori provenienti da un altro mondo o tempo (viaggio temporale)?

documatica: assolutamente, io prima esamino i fattori di abituale confusione e poi mi concentro su casi che non sono sensazionalistici, dove ho l’accesso sul luogo dell’avvistamento e ai testimoni stessi. Si noti che, naturalmente, il 90% di tutti i rapporti può essere spiegato con cause naturali.

Irishbhoy83: ciao. Mi chiedo solo se pensa che ci siano altri pianeti molto simili al nostro che detengano la vita? Potrebbe accadere, come è successo con la formazione del nostro pianeta, che la vita abbia avuto luogo anche da qualche altra parte, ma in un momento diverso e con un pianeta in una fase di crescita diversa dal nostro? Grazie.

documatica: tra i 2000 e più pianeti individuati finora non ci può essere vita simile alla nostra (i pianeti sono troppo grandi o in orbite che sarebbero ostili alla vita stessa), ma visti i molti miliardi di mondi là fuori, l’esistenza di un pianeta simile al nostro è ritenuta molto probabile. Ovviamente una delle sfide è quella di definire che cosa si intende per “vita”. Ci potrebbero essere altre forme di coscienza che non abbiamo scoperto. A proposito di stadio di sviluppo, tutto quello che si può fare è fare delle ipotesi, nel senso che ci sarebbero molte civiltà, altamente più avanzate di noi.

tissboom: pensa che gli alieni siano stati su questo pianeta? Dal mio punto di vista ho sempre creduto che ci sia “qualcosa là fuori”, ma io non sono convinto che ci abbiano visitato a causa della distanza tra noi e il pianeta più vicino che potrebbe sostenere la vita.

documatica: non sono sicuro che il “problema distanza” sia una dimostrazione: la nuova fisica (come i wormholes) consentirebbe la comunicazione molto veloce tra parti distanti dell’universo e forse anche il trasporto. La vita e la coscienza devono esistere ovunque. Il fenomeno UFO è stato con noi su questo pianeta da quando è presente la storia documentata – questo è ciò che illustra il mio libro Wonders in the Sky. Ciò non significa però “Alieni” nel senso comune del termine. Ci potrebbero essere molteplici dimensioni.

lurker 1101: crede che alieni possano vivere in mezzo a noi?

documatica: potrebbero essere molto vicini a noi geneticamente, o qualsiasi altra cosa sta obbligando “loro” a produrre i propri corpi in linea con la fisiologia umana. Ma vi sono altre ipotesi. Il fenomeno potrebbe essere la creazione di una sorta di illusione da realtà virtuale attraverso la quale varie entità potrebbero essere qui e agire in mezzo a noi.

mattisaac1: ci sono le probabilità (per percentuale) che il governo conosca qualcosa sugli alieni e stia nascondendo tutto? Potremmo avere una rivelazione?

documatica: non so dare una percentuale, ma dovrei supporre che il governo degli Stati Uniti sappia molto più di me o almeno che abbia molti più DATI di me. Il problema è cosa avrebbero fatto con questi dati, potrebbe aver fatto cadere facilmente il tutto attraverso delle prove, ogni agenzia cerca di trattare con piccole parti di esse senza che nessuno guardi il tutto. Così probabilmente scartano solo gran parte di esse, come fece l’USAF. Invece di “rivelazioni”, io preferirei di gran lunga vederli riconoscere che vi è un fenomeno sconosciuto e chiamare la comunità scientifica nel concorrere a presentare proposte per una ricerca di base. Questo è il modo in cui Internet iniziò: molti teams elaborarono proposte per il networking, e ARPA selezionò le migliori 10 proposte, o giù di lì, e li finanziò, esaminando i risultati un anno o due più tardi, rimborsando i migliori e così via. Questo è il modo migliore per fare ricerca, su base competitiva facendo leva con le migliori menti in vari settori. Una cosa che sappiamo per certo è che il fenomeno UFO è estremamente complesso e non si riconduce agli “Alieni”. Scusa Mattisaac1, naturalmente volevo dire “non si riconduce SOLO agli “Alieni”.

Adrews88: crede che l’attuale finanziamento per la NASA sia adeguato e che finanziamenti per i viaggi spaziali andranno principalmente a società private?

documatica: penso che la NASA abbia assolutamente ragione nel trasferire missioni LEO (Low Earth Orbit) all’impresa privata, che ha sia le risorse e le motivazioni per fare un buon lavoro. Missioni a lungo raggio in futuro, come quelle di andare su Marte, devono essere al centro dei piani NASA. Vorrei che ci fossero più finanziamenti per alcuni aspetti del lavoro della NASA, i fattori soprattutto umani (e la ricerca sulla microgravità), che potrebbe portare a scoperte mediche quaggiù sulla Terra.

Bluffsters: ho 29 anni… nella mia vita sarò testimone della prova inconfutabile dell’esistenza di UFO/alieni?

documatica: nella nostra vita noi non vedremo una cura completa per il cancro, o una spiegazione completa di come i nostri cervelli funzionano, quindi perché dovremmo aspettarci di avere una prova innegabile che gli UFO esistano? Abbiamo lo stesso problema con i fantasmi, o l’intelligenza artificiale. Ma i testimoni UFO stanno dicendo la verità ed è possibile convalidare i modelli di ciò che essi descrivono, certificando che il fenomeno esiste innegabilmente. Quello che ci manca è quello di andare ad inserire una “prova” in una nuova categoria scientifica (una “ontologia”).

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: