//
stai leggendo...
Astronomia

Circa 1.000 galassie ‘oscurate’ dalla Via Lattea

Finalmente gli astronomi sono riusciti a mappare la distribuzione delle galassie che si trovano dietro la nostra, la Via Lattea, secondo uno studio pubblicato sulla rivista ‘Astronomical Journal‘. Si scopre quindi che la cosiddetta ‘Zona Vuota’ -un’area del cielo notturno oscurata dalla Via Lattea – nasconde 883 nuove galassie.

Il team internazionale di scienziati ci ha messo decenni per completare il proprio lavoro, utilizzando il radiotelescopio Parkes. Gli scienziati hanno affermato che delle 833 galassie mappate, un terzo non è era mai stata vista da ricercatori.

La Via Lattea è preziosa, ovviamente, ed è molto interessante studiare la nostra galassia, però la stessa oscura completamente l’osservazione delle galassie più distanti che si trovano dietro di essa“, ha commentato lo scienziato principale Lister Staveley-Smith della University of Western Australia.

La scoperta potrebbe anche aiutare a spiegare la gravità dell’anomalia gravitazionale conosciuta come ‘Grande Attrattore’, che trascina la Via Lattea e centinaia di migliaia di altre galassie su una regione di milioni di anni luce.

Una galassia contiene una media di 100.000 milioni di stelle, così la scoperta di centinaia di nuove galassie nascoste dietro la Via Lattea punta a una grande quantità di massa che prima non conoscevamo“, ha osservato il ricercatore.

Fonte (link)

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: