//
stai leggendo...
UFO e militari

La US Navy brevetta tecnologia per creare “UFO al plasma”

La Marina degli Stati Uniti ha brevettato una tecnologia per creare immagini a mezz’aria per ingannare gli infrarossi e altri sensori. Questo si basa su molti anni di ricerca sul plasma-laser e offre un metodo rivoluzionario per proteggere gli aerei dai missili a ricerca di calore. Può anche fornire un indizio sull’origine di alcuni recenti avvistamenti di UFO da parte di aerei militari.

Gli Stati Uniti hanno sviluppato il primo missile a ricerca di calore Sidewinder negli anni ’50, e l’ultima versione AIM-9X è ancora in prima linea in tutto il mondo. Questo tipo di sensore funziona così bene perché gli scarichi dei motori a getto caldo brillano come fari nell’infrarosso, rendendoli facili bersagli. I piloti sotto attacco possono espellere i razzi esca per attirare un missile lontano dal velivolo di lancio, ma questi forniscono solo pochi secondi di protezione. Più recentemente sono state messe in campo contromisure laser a infrarossi che abbagliano il cercatore a infrarossi.

Un impulso laser sufficientemente intenso può ionizzare producendo una esplosione di plasma incandescente. Il programma Laser Induced Plasma Effects utilizza singole esplosioni di plasma come granate stordenti; una rapida serie di tali vantaggi può anche essere modulata per trasmettere un messaggio vocale. Nel 2011 la società giapponese Burton Inc. ha mostrato un sistema rudimentale che ha creato immagini 3D in movimento a mezz’aria con una serie di punti di plasma generati rapidamente.

Un approccio più sofisticato utilizza un impulso laser intenso, ultracorto e auto-focalizzante per creare un filamento o un canale di plasma incandescente, un effetto scoperto negli anni Novanta. Conosciuti come filamenti di plasma indotti dal laser (laser-induced plasma filaments – LIPF), questi possono essere creati ad una certa distanza dal laser per decine o centinaia di metri. Poiché i LIPF conducono l’elettricità, sono stati studiati come mezzo per innescare un fulmine o per creare una pistola a fulmine.

Una delle cose interessanti dei LIPF è che con un’adeguata sintonizzazione possono emettere luce di qualsiasi lunghezza d’onda: visibile, infrarossa, ultravioletta o anche onde di terahertz. Questa tecnologia è alla base del progetto della Marina Militare, che utilizza i LIPF per creare immagini fantasma con emissioni a infrarossi per ingannare i missili a ricerca di calore.

960x0

La Marina ha rifiutato di discutere il progetto, ma il lavoro è descritto in un brevetto del 2018: “in cui una sorgente laser è montata sul retro del veicolo aereo, e in cui la sorgente laser è configurata per creare un plasma indotto dal laser, e in cui il plasma indotto dal laser funge da esca per una minaccia in arrivo al veicolo aereo”.

Il brevetto prosegue spiegando che il laser crea una serie di colonne di plasma a mezz’aria, che formano un’immagine 2D o 3D attraverso un processo di scansione raster, simile al modo in cui i televisori a raggi catodici vecchio stile mostrano un’immagine.

Un’unica esca dimezza le possibilità che un missile in arrivo colpisca il bersaglio giusto, ma non c’è motivo di fermarsi ad una sola: “Ci possono essere più sistemi laser montati sul retro del veicolo aereo con ogni sistema laser che genera una ‘immagine fantasma’ tale da far sembrare che siano presenti più veicoli aerei”.

A differenza dei razzi, l’esca LIPF può essere creata istantaneamente a qualsiasi distanza dall’aereo e può essere spostata a piacere. Ugualmente importante, si muove con l’aereo, invece di cadere rapidamente come un razzo, fornendo protezione per tutto il tempo necessario.

L’aereo che trasporta il proiettore laser può anche proiettare esche per coprire altri bersagli: “Le potenziali applicazioni di questo bagliore/falso bersaglio LIP possono essere ampliate, come l’utilizzo di un elicottero che dispiega razzi di segnalazione per proteggere una corazzata, o l’utilizzo di questo metodo per coprire e proteggere un intero gruppo di navi da battaglia, una base militare o un’intera città”.

Il ricercatore principale del brevetto è Alexandru Hening. Un articolo del 2017 sulla rivista IT della Marina Militare dice che il dottor Hening lavora sul plasma indotto dal laser presso lo Space and Naval Warfare Systems Center Pacific dal 2012.

“Se si ha un impulso molto breve si può generare un filamento, e nell’aria può propagarsi per centinaia di metri, e forse con la prossima generazione di laser si potrebbe produrre un filamento anche di un miglio”, ha detto alla rivista il dottor Henning, indicando che dovrebbe essere possibile creare fantasmi a distanze considerevoli.

I velivoli fantasma che possono muoversi ad alta velocità e apparire sulle termocamere possono suonare qualche campanello d’allarme. Dopo mesi di dibattito, in aprile la Marina ha ufficialmente rilasciato video a infrarossi degli UFO incontrati dai loro piloti, anche se il Pentagono preferisce chiamarli “fenomeni aerei non identificati”. Gli oggetti dei video sembrano rendere impossibili i movimenti improvvisi dei velivoli fisici, ruotare a mezz’aria e sfrecciare a velocità fenomenale: tutte manovre che sarebbero facilmente riproducibili con un’immagine proiettata fantasma.

È improbabile però che il Pentagono pubblichi video della propria arma segreta in un bizzarro doppio bluff. Ma altre nazioni potrebbero avere la loro versione. All’inizio degli anni Novanta i russi sostenevano di poter produrre “plasmoidi” incandescenti ad alta quota usando microonde ad alta potenza o raggi laser; questi erano destinati a disturbare il volo dei missili balistici, una risposta al progetto americano “Star Wars”. Il progetto non ha portato a nulla, ma la tecnologia potrebbe essere stata perfezionata per altre applicazioni nei decenni successivi.

I missili a ricerca di calore senza dubbio evolveranno modi per distinguere i fantasmi al plasma dai jet reali, portando ad un ulteriore perfezionamento della tecnologia delle esche, e così via. Resta da vedere se anche gli esseri umani diventeranno abbastanza intelligenti da riconoscere tali falsi.

Fonte: https://www.forbes.com/sites/davidhambling/2020/05/11/us-navy-laser-creates-plasma-ufos/#116026410746

 

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: