//
stai leggendo...
Documenti, UFO e militari

La US Navy declassifica nuovi documenti relativi a incontri con gli UFO

I dettagli di straordinari incontri ravvicinati sono stati rivelati in otto distinti “hazard reports”  pubblicati ai sensi della Legge sulla Libertà d’Informazione americana (FOIA). I rapporti ora pubblicati arrivano appena due settimane dopo la pubblicazione ufficiale da parte del Pentagono di tre video realizzati da piloti della Marina degli Stati Uniti che mostrano incontri a mezz’aria con quelli che sembrano essere UFO.

Uno di questi nuovi rapporti descrive una collisione a mezz’aria con un oggetto simile a un pallone e un altro descrive il bizzarro avvistamento di un velivolo delle dimensioni di una valigia. Tutti i rapporti, tranne uno, risalgono al 2013-2014 e coprono lo spazio aereo al largo della costa della Virginia e del North Carolina, nota come area di allerta W-72. Sono stati tutti archiviati da piloti della Marina degli Stati Uniti che volavano con i caccia F/A-18E/F Super Hornet. I rapporti sono stati rilasciati dopo una richiesta al FOIA da parte del sito web di The Drive che ha richiesto documenti dell’aviazione navale riguardanti gli incontri dei piloti con oggetti non identificati, palloni e qualsiasi altro oggetto simile.

Il primo rapporto del 27 giugno 2013 rivela come un equipaggio dello Strike Fighter Squadron 11 abbia avvistato un “velivolo di colore bianco e di dimensioni e forma approssimative di un drone o di un missile”.

L’equipaggio del Super Hornet ha riferito di aver “rilevato visivamente” il velivolo “sul lato destro del loro aereo con circa 200 piedi di separazione laterale”.

Un rapporto datato 18 novembre 2013, evidenzia un incidente in cui un F/A-18E Super Hornet dello Strike Fighter Squadron 143 (VFA-143) ha rilevato un UFO sul suo radar. Il pilota ne ha preso nota: “Il velivolo aveva un’apertura alare di circa 5 piedi ed era di colore bianco senza altre caratteristiche distinguibili”. Lo stesso oggetto fu avvistato più o meno nella stessa posizione, più tardi nello stesso giorno, da un diverso pilota del VFA-143 che fece un rapporto separato.

Il quarto documento rilasciato dal Centro di Sicurezza Navale degli Stati Uniti (US Naval Safety Centre) riporta l’avvistamento di un “velivolo sconosciuto che sembrava essere di piccole dimensioni, all’incirca delle dimensioni di una valigia, e di colore argento”. Il rapporto del 26 marzo 2014 avvertiva che l’oggetto sembrava troppo piccolo per rilevare se la comunicazione radio non era stata effettuata e diceva che “presentava una significativa preoccupazione per la sicurezza, dato che questo velivolo sconosciuto era stato rilevato in un’area ad uso esclusivo”.

Tre rapporti di cinque giorni nell’aprile 2014 evidenziano l’incontro con quattro “apparecchi aerei non identificati” e un incidente in cui un pilota si è agganciato a un altro oggetto con la versione di addestramento del missile AIM-9X Sidewinder.

L’ultimo rapporto risale al 13 febbraio dello scorso anno e descrive come un aereo da guerra elettronico EA-18G Growler Growler si sia quasi schiantato contro un pallone aerostatico rosso. L’equipaggio era dell’Air Test and Evaluation Squadron 23 e stava volando fuori dalla Naval Air Station Patuxent River nel Maryland e conducendo attività nell’area di allerta W-386.

Fonte: https://www.express.co.uk/news/world/1282044/ufo-us-navy-pilots-east-coast-america-sightings

I documenti qui: https://www.thedrive.com/the-war-zone/33371/here-are-the-detailed-ufo-incident-reports-from-navy-pilots-flying-off-the-east-coast

Nota di Antonio De Comite: questi nuovi documenti mostrano avvistamenti che, dalle descrizioni riportate, rappresentano oggetti e/o velivoli prettamente terrestri, ma questo ha permesso, ad alcuni scettici e mass media compiacenti a fare disinformazione, di indicare che i famosi tre video UFO “Gimbal”, “GoFast” e “FLIR-1” siano in realtà droni. Poi dovrebbero spiegare come fa un drone di origine umana scendere da una quota di circa 24.000 piedi ad una di 15 metri a pelo d’oceano in meno di 2 secondi, librandosi per un po’ e poi schizzare verso l’alto a velocità “impossibili” per mezzi umani? 

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Archivi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: